robocopy .\ NULL /L /S /NJH /BYTES /FP /NC /NDL /XJ /TS /R:0 /W:0

Questo comando mi ha salvato durante un’assistenza in cui ho dovuto combattere contro un CryptoLocker. Elenca i files di una cartella e di tutte le subcartelle anche se superano i 260 caratteri di lunghezza path+nome.
(Fonte)

 

Recentemente ho cambiato casa e mi sono “regalato” un impianto di domotica BTicino basato sul loro WebServer F454 al quale ho praticamente subito affiancato un Raspberry PI 2 che sono riuscito ad incastrare in una scatola elettrica in un muro.

In questi ultimi mesi ho fatto un po’ di esperimenti e mi sono ritrovato a dove imparare o ripassare diversi argomenti:

  1. Gestione di Linux (la microSD del Raspberry Pi 2 si è “bruciata” dopo poche settimane costringendomi a reinstallare il sistema da zero).
  2. Linguaggio OpenWebNet di Bticino / LeGrand per la gestione della domotica via F454
  3. Node.js con il quale ho deciso di scrivere tutta la gestione della domotica.
  4. Apple HomeKit con il quale mi interfaccio per poter gestire la domotica da cellulare.

Approfittando della cosa ho deciso di approfondire la conoscenza alcuni strumenti nuovi tra cui:

  1. Git – Che ho usato per poter sincronizzare il mio lavoro tra portatile, pc di casa e Raspberry (confesso di essermi collegato un paio di volte al Raspberry dall’iPad e di aver provato a lavorare così).
  2. Visual Studio Code – Editor che ho iniziato ad amare fin dal giorno in cui è uscito e che si conferma come mio editor preferito quando devo scrivere in Node.js.
  3. BitBucket – In cui ho salvato i miei due progetti per la gestione della domotica.

Problemi che devo ancora risolvere:

  1. HomeKit da quanto ho capito è ancora molto acerbo. La mia paura è che con l’uscita di iOS10 il mio attuale sistema si romperà lasciandomi “a piedi” per mesi.
  2.  Per varie ragioni mi ritrovo con delle luci dimerabili che non accettano comandi di stato sull’intensità delle luci, tapparelle i cui motori non hanno idea della posizione in cui si trovano e un sistema di aria condizionata che non è collegabile ad un sistema di domotica. Ho molte idee al riguardo ma purtroppo poco tempo per provarle, in ogni caso penso di poter risolvere tranquillamente (e magari con l’aiuto di un paio di Arduino) i primi due problemi (dimmer e tapparelle).
  3. Il raspberry nel muro dovrebbe anche fornire una UI verso gli occupanti della casa. La cosa (credo) la realizzerò in PHP + Angular, ma sono fermo al fatto che il touchscreen non ha gradito molto la rotazione di 270° dello schermo (è in portait perchè la scatola nel muro era così).

Nonostante tutto poter alzare il proprio polso e dire “Ehy Siri, accendi luce tavolo” è una figata! 🙂

 


Da oggi www.turazlab.com gira su un RaspberryPi 3 in casa mia.

Le prestazioni saranno pessime, ma la cosa (per me) è molto divertente. 😀

installazione senza schermo e volante

Tagged with:
 

(Questo non è un post ma un appunto per me stesso)

Se il client DNS di MacOS inizia a fare le bizze interrogando un DNS server (sperimentato tutte le volte su DNS Server Microsoft) allora è il caso di dargli una sveglia:


sudo launchctl unload -w /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.discoveryd.plist
sudo launchctl load -w /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.discoveryd.plist

Fonte: http://apple.stackexchange.com/questions/26616/dns-not-resolving-on-mac-os

 

512px-Chocolate_Chip_Cookies_-_kimberlykv

Questo sito usa Google Analytics per acquisire informazioni importantissssssime sui visitatori.

Se non vuoi essere tracciato esci immediatamente da questo sito e non farci più ritorno!
L’autore di questo blog ritiene che la Cookies Law sia una cosa stupida ed inutile inventata da qualcuno che usa Internet Explorer per navigare regolarmente e che di computer non capisce molto.